Home / Articoli / 10 settembre 2016 : riflessioni

10 settembre 2016 : riflessioni

Raccontare per iscritto – come è mia abitudine – il pomeriggio del 10 settembre non è stato immediato .
Di solito, quando partecipo ad un avvenimento che , in qualche modo, mi coinvolge o mi colpisce , sento il bisogno di scrivere le mie emozioni-considerazioni quando ancora il “ferro è caldo” , perché ciò facilita il racconto , nel senso che quello che ho appena vissuto viene fuori spontaneamente e facilmente , come fosse già scritto .
Ma quando un avvenimento mi coinvolge totalmente … provo uno strano smarrimento che mi impedisce , nell’immediato , qualsiasi azione che non sia quella di cullare il pensiero .
E’ come se il pensiero , per essere esplicitato, avesse bisogno di stare , per un po’ di tempo , accovacciato nell’anima , per maturare e , poi, emergere … come tutte le cose vive.
Il pomeriggio del 10 settembre rimarrà scritto , nella mia mente e nel mio cuore , per sempre .
L’intitolazione della biblioteca comunale a mio marito non è stato solo il riconoscimento ufficiale di quelle doti culturali e umane che , da tempo , erano note a tutta la comunità di Budoni ( e oltre).
E’ stato qualcosa di più. E non solo per la partecipazione commossa di tanti – alcuni dei quali giunti da lontano – e per le riflessioni-considerazioni espresse da taluni, ma anche e soprattutto per la particolare e significativa targa realizzata dall’artista Alessandro Lobino . Un’opera che a me pare straordinaria e che , più che ricordare e commemorare la persona scomparsa, pare ridarle vita …
Realizzata – come afferma l’artista – “con materiali non convenzionali : le resine . Quella di colore azzurro fa risaltare – rimandando al colore del cielo e del mare –le caratteristiche più significative del professore : serenità e limpidità di pensiero “.
E’ un’opera che parla , e che racconta la passione per la cultura in generale e per i libri in particolare . Quei libri che mio marito ha sempre considerato cose vive, capaci di lubrificare l’anima e irrobustire la mente.
Un pomeriggio davvero straordinario quello del 10 settembre…
Ringrazio ancora , anche a nome dei miei figli , tutti coloro che hanno reso possibile e indimenticabile questa giornata: il sindaco Giuseppe Porcheddu e il consiglio comunale, don Chessa , la sociologa Vittoria Bogo , l’artista Alessandro Lobino e ultimi – ma non ultimi – tutti gli amici e conoscenti presenti che hanno contribuito , in maniera diversa , ad aggiungere una nota in più ad una “musica” già bella.
Mi piace concludere con una significativa riflessione dell’amica Graziella Fois che, rivolgendosi direttamente a mio marito, ha così affermato:
“Al tuo sconfinato amore per i libri, rimanderà ogni pagina che da noi verrà sfogliata perché del tuo nome risuoneranno le mura di questo luogo di cultura e di emozioni .Dai nostri cuori non sei andato via e qui rinasci per non morire mai”.

Check Also

19274921_10213194511166541_4212826212174201400_n

Presentazione del libro Poesie d’amore

Amici che non hanno potuto partecipare alla presentazione del mio libro “Poesie d’amore”, hanno espresso …